Utilizziamo cookie di servizi di terze parti per attività di marketing e per offrirti una migliore esperienza. Leggi come utilizziamo i cookie e come puoi controllarli facendo clic su "Preferenze sulla privacy".


Preferenze sulla privacy

Preferenze sulla privacy

Quando visiti un sito web, questo può memorizzare o recuperare informazioni attraverso il tuo browser, solitamente sotto forma di cookie. Poiché rispettiamo il tuo diritto alla privacy, puoi scegliere di non consentire la raccolta di dati da determinati tipi di servizi. Tuttavia, non consentire questi servizi potrebbe influire sulla tua esperienza di navigazione.

  • Privacy Policy

    Informativa Privacy

    Lo scopo dell'informativa privacy è di fornire la massima trasparenza relativamente alle informazioni che il sito raccoglie e come le usa.

    In ottemperanza degli obblighi derivanti dalla normativa nazionale e europea (Regolamento europeo per la protezione dei dati personali), rispettiamo e tuteliamo la riservatezza dei visitatori e degli utenti, ponendo in essere ogni sforzo possibile e proporzionato per non ledere i diritti degli utenti.

    Non pubblichiamo annunci pubblicitari, non usiamo dati a fini di invio di pubblicità, però facciamo uso di servizi di terze parti al fine di migliorare l'utilizzo del sito, terze parti che potrebbero raccogliere dati degli utenti e poi usarli per inviare annunci pubblicitari personalizzati su altri siti. Tuttavia poniamo in essere ogni sforzo possibile per tutelare la privacy degli utenti e minimizzare la raccolta dei dati personali. Ad esempio, usiamo in alcuni casi video di YouTube, i quali sono impostati in modo da non inviare cookie (e quindi non raccogliere dati) fino a quando l'utente non avvia il video. Potete osservare, infatti, che al posto del video c'è solo un segnaposto (placeholder). Il sito usa anche plugin sociali per semplificare la condivisione degli articoli sui social network. Tali plugin sono configurati in modo che inviino cookie (e quindi eventualmente raccolgano dati) solo dopo che l'utente ha cliccato sul plugin.

    A titolo informativo si precisa che la gestione dei cookie è complicata, sia da parte nostra, come gestori del sito (che potremmo non riuscire a gestire correttamente i cookie di terze parti) che da parte dell'utente (che potrebbe bloccare cookie essenziali per il funzionamento dei sito). Per cui un modo migliore, e più semplice, per tutelare la privacy sta nell'utilizzo di strumenti anti-traccianti, che bloccano quindi il tracciamento da parte dei siti terzi (A tal fine si consiglia l'utilizzo di Privacy Badger e uBlock Origin)

    Per ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali potete leggere l'informativa completa qui sotto


     

    RICHIESTO
  • Rete per la distribuzione di contenuti
    Alcuni contenuti resi disponibili in questo sito, sono forniti da terze parti, il cui corretto funzianamento potrebbe richiedere il tracciamento attraverso il browser e script contenuti nelle pagine. Il tracciamento del traffico è finalizzato alla raccolta di dati che consentono la statistica dettagliata degli utenti, come gruppo e non come singole persone.
    RICHIESTO
  • Youtube (Hosting Video Platform by Google Inc.)
    Potrebbe tracciare l'utente che visiona i video per poi produrre una statistica, sul comportamento della visione, della sua geolocalizzazione e dei tempi di permanenza, come gruppo e non come singoli.
  • Vimeo (Hosting Video Platform)
    Potrebbe tracciare l'utente che visiona i video per poi produrre una statistica, sul comportamento della visione, della sua geolocalizzazione e dei tempi di permanenza, come gruppo e non come singoli.
  • Google Ads (Advertisement Delivery Network)
    il nostro sito non presenta annunci pubblicitari, ma il traffico dell'utente che visiona le pagina, può produrre una preferenza che si traduce in annunci personalizzati rispetto ai dati di navigazioni presenti nella cronologia e dai cockie del browser.
  • Facebook & Instagram (Social Media)
    potrebbero raccoglie informazioni sul traffico prodotto in cronologia e dai cockie, per personalizzare l'esperienza rispetto al social.


SYBONE

SOSTITUTIVO DI INNESTO OSSEO SINTETICO

L'arte dell'innesto: come le soluzioni rigenerative facilitano le procedure chirurgiche

La preparazione è fondamentale e vedere tre passi avanti può essere un punto di svolta nelle procedure odontoiatriche. Prima che avvenga il posizionamento di qualsiasi impianto dentale, i dentisti seguono religiosamente una sequenza di azioni preparatorie, come l'innesto osseo dentale. Utilizzato quando si è verificata la perdita ossea nella mascella, un innesto osseo dentale ha lo scopo di aggiungere volume e densità all'area della mascella in cui si è verificata la perdita ossea. Fornendo lo sfondo ideale per la crescita e la rigenerazione del tessuto osseo, immergiamoci nelle particolarità di questa procedura.

Un innesto osseo dentale è esattamente quello che sembra

È piuttosto semplice definire l'innesto osseo dentale: praticando un'incisione nella mascella, un dentista/chirurgo orale vi attacca altro materiale osseo, fornendo quindi ulteriore supporto e prevenendo problemi di salute orale a lungo termine.

Viene utilizzato come riempitivo e supporto, per consentire la formazione di nuovo osso agendo da serbatoio minerale che ne induce la formazione e allo stesso tempo per favorire la guarigione della ferita. Questi trapianti sono bioriassorbitivi e non hanno una reazione antigene-anticorpo.

L'aumento osseo è possibile grazie al potenziale del tessuto osseo di rigenerarsi completamente se gli viene dato lo spazio in cui crescerà. Man mano che il tessuto osseo cresce, sostituisce il biomateriale e si integra completamente con l'osso circostante. Dopo ad es. un intervento chirurgico, un'infezione, un'estrazione del dente dovuta a varie cause, traumi o malattia parodontale avanzata, la cresta alveolare cambia nelle dimensioni verticale e orizzontale.

Tre diversi processi sono coinvolti nella rigenerazione ossea: osteoconduzione, osteogenesi e osteoinduzione.

L'osteoconduzione è un processo di sostituzione ossea, ad es. i granuli servono solo da veicolo per lo smaltimento dell'osso neoformato (1, 2). Gli osteoblasti dal bordo del difetto utilizzano il materiale inserito come modello per espandersi e creare nuovo osso. Fondamentalmente, qualsiasi materiale per la rigenerazione ossea dovrebbe essere almeno osteoconduttivo. (3)

L' osteogenesi coinvolge il processo mediante il quale gli osteoblasti vitali degli innesti contribuiscono alla formazione di nuovo osso insieme ai due processi descritti di seguito. (2, 3)

L'osteoinduzione è il processo mediante il quale un innesto incoraggia le cellule osteoprogenitrici a differenziarsi in osteoblasti (2). Il tipo più comune di mediatore cellulare osteoinduttivo è la proteina morfogenetica ossea (BMP). Il materiale inserito che è osteoconduttivo e osteoinduttivo non solo funge da modello e supporto per gli osteoblasti attualmente esistenti, ma incoraggia la creazione di nuovi osteoblasti, favorendo teoricamente una più rapida integrazione della sostituzione stessa. (4)

Il termine osteopromozione è spesso citato in ambito odontoiatrico. Implica il miglioramento dell'osteoinduzione senza possedere le sole proprietà osteoinduttive. Ad esempio, un derivato della matrice dello smalto migliora l'effetto osteoinduttivo dell'allotrapianto osseo liofilizzato demineralizzato (DFDBA), ma non stimolerà la crescita ossea da solo. (5)

Un innesto osseo può essere realizzato dal proprio corpo (autogeno), ma potrebbe anche essere ottenuto da una banca di tessuti umani (allotrapianto) o da una banca di tessuti animali (xenotrapianto). I materiali per innesti ossei possono in alcuni casi essere sintetici (alloplast).

I materiali alloplastici possono essere prodotti dall'idrossiapatite, un minerale naturale che è anche il principale componente minerale dell'osso. Possono anche essere realizzati in vetro bioattivo o fosfato di calcio e sono biologicamente attivi a seconda della solubilità nell'ambiente. Questo tipo di materiale in combinazione con fattori di crescita o midollo osseo aumenta l'attività biologica. L'idrossilapatite è un innesto osseo sintetico, oggi utilizzato principalmente per le sue proprietà osteoconduttive e meccaniche e per la sua biocompatibilità. Oggi, il fosfato tricalcico è anche ampiamente utilizzato in combinazione con l'idrossiapatite per migliorare gli effetti dell'osteoconduttività e del riassorbimento. Il vantaggio del materiale alloplastico è che non contiene tessuti o derivati ​​animali o umani ed è praticamente illimitato. (6)

Come fai a sapere che ne hai bisogno?

I motivi più comuni per avere un innesto osseo dentale sono la perdita dei denti o le malattie gengivali. Potrebbe essere necessario sottoporsi a questa procedura se:

  • Ti stai facendo estrarre un dente.
  • Rialzo del seno mascellare
  • Il dente mancante sarà sostituito da un impianto dentale (conservazione della cresta alveolare)
  • Ottenere una dentiera richiede la ricostruzione della mascella.
  • A causa di malattie gengivali (malattia parodontale), hai aree di perdita ossea.

Innesti ossei dentali: come funziona?

Il materiale dell'innesto osseo verrà posizionato tra le due sezioni dell'osso che devono rigenerarsi insieme. Il passaggio successivo consiste nel fissare l'innesto osseo con una soluzione rigenerativa e, infine, l'incisione viene cucita per iniziare la guarigione.

In questa procedura, le soluzioni rigenerative giocano un elemento chiave, essendo progettate per il riempimento di vuoti o difetti ossei oltre a consentire un effetto barriera ottimale.

Realizzata con cura, la linea di soluzioni rigenerative di TAG Dental è progettata per consentire una qualità superiore e un innesto coerente. La nostra ceramica osteoconduttiva porosa al 100% sintetica, SyBone®TCP, offre eccellenti proprietà osteoconduttive. Il prodotto contiene il 99% di fosfato tricalcico, che riempie i difetti ossei con porosità aperta e fornisce un'elevata resistenza meccanica. Tra i vantaggi contiamo il rischio di infezione zero, l'ottimo tempo di riassorbimento e la disponibilità in una varietà di dimensioni, il tutto pur essendo realizzato con materiali sintetici al 100%.

L'angiogenesi è considerata un fattore importante nella formazione della struttura ossea. A causa dell'elevata porosità del biomateriale SyBone®TCP, è consentita una migliore angiogenesi e la formazione di osso più duro, più denso e più vascolarizzato. Questa condizione consente il graduale riassorbimento del biomateriale alloplastico, che a sua volta aumenta la massa ossea. Poiché viene incoraggiata una formazione di nuovo osso più rapida e maggiore, non è stato necessario l'uso di una membrana riassorbibile (una membrana riassorbibile sarebbe eventualmente indicata nei casi in cui vi è una possibile esposizione del materiale).

Conclusione

L'uso più comune della sostituzione ossea in odontoiatria è durante la riabilitazione implantare. Utilizzando materiali popolari (xenogenici o alloplastici), possiamo ottenere una buona angiogenesi e una rigenerazione prevedibile e di successo della massa ossea a costi minimi, senza un nuovo campo operatorio e creando ulteriore disagio per il paziente.

Per saperne di più sulle ultime innovazioni in implantologia, scopri di più sul nostro sito Web o seguici sui social media: Facebook , Instagram , Linkedin , Twitter .

Non vediamo l'ora di ascoltare le vostre note e pensieri su questo argomento.

 

Letteratura:

  1. Laurencin C, Khan Y, El-Amin SF. Sostituti di innesto osseo. Dispositivi esperti Rev Med. 2006 gennaio; 3(1):49-57.
  2. Ehrler DM, Vaccaro AR. L'uso dell'osso allotrapianto nella chirurgia della colonna lombare. Clin Orthop Relativo Ris. 2000 febbraio;(371):38–45.
  3. Hung, Nguyen. (2012). Conoscenza di base dell'innesto osseo. 10.5772/30442.
  4. Tariffa, L. Conservazione dell'incavo. Fr. Dent J. 2017, 222, 579–582.
  5. Giannoudis PV, Dinopoulos H, Tsiridis E Infortunio. Sostituti ossei: un aggiornamento. 2005 novembre; 36 Suppl 3():S20-7.
  6. Zhao R, Yang R, Cooper PR, Khurshid Z, Shavandi A, Ratnayake J. Innesti ossei e sostituti in odontoiatria: una rassegna di tendenze e sviluppi attuali. Molecole. 2021 maggio 18;26(10):3007. doi: 10.3390/molecules26103007. PMID: 34070157; PMCID: PMC8158510.
Condividi: